Cosa fare al Marais (Parigi)? Idee per visite e passeggiate

| |

Il Marais è uno dei più antichi quartieri della capitale francese. Testimone delle vestigia del nostro passato e della Storia della Francia, ha visto i suoi abitanti cambiare e la sua composizione evolvere nei secoli. Dalla corte reale di Luigi XIV alla comunità gay, passando per la popolazione ebraica ashkénaze, la “Vecchia Parigi” possiede ancora un animo giovane e dinamico che continua a conquistare il visitatore. Composto dal III e IV arrondissemet, conta i più bei monumenti della capitale, di cui un certo numero sono stati classificati come monumenti storici o dichiarati patrimonio mondiale dell’UNESCO.

 

La Place des Vosges

Place des Vosges

La Place des Vosges è stata così denominata nel 1800. Un tempo nota sotto il nome di Place Royale, è stata costruita nel 1605 sotto il regno di Enrico IV e adibita a terreno da gioco dei nobili. Utilizzata per tornei e duelli, negli anni 1830 assume la funzione di scena a cielo aperto per le corali parigine. Nel 1954, viene dichiarata monumento storico e protetta tramite il Plan de Sauvegarde et de Mise en Valeur du Marais (lett. Piano di salvaguardia e valorizzazione del Marais) negli anni 60. Tali misure sono state adottate per preservarne in particolare le facciate.

Di forma quadrata, si compone di 36 padiglioni su 2 piani. La sua fondazione si deve al re EnricoIV che affida il progetto agli architetti Jacques Androuet du Cerceau e Claude Chastillon.

Tra le residenze celebri di questa piazza, si conta in particolare l’Hôtel de Sully. L’edificio in stile rinascimentale è stato classificato come monumento storico e fu la residenza del duca di Sully, Maximilien de Béthune, ministro del re Enrico IV. Il palazzo non è aperto al pubblico, ma è possibile ugualmente fare una passeggiata nei giardini e nella corte interna per poter ammirare l’edificio. Di particolare interesse anche la Casa di Victor Hugo, visitabile per mostre temporanee o per l’appartamento in cui si dice che lo scrittore abbia scritto la sua opera “I Miserabili”.

Casa di Victor Hugo: 6, Place des Vosges, 75004. Prendere la rue de Saint-Antoine, poi girare a destra su rue de Birague.

Hôtel de Sully: 62, rue Saint-Antoine, 75004. Prendere la rue Saint-Antoine.

 

 

Il tempio del Marais

Chabe01 / Wikimedia Commons sotto Creative Commons 4.0

A 400 metri da lì, il Tempio del Marais si trova su la rue Saint-Antoine.

Edificato sotto la direzione di François Mansart nel 1632, ospita in particolare la tomba della famiglia di Nicolas Fouquet (l’allora sovrintendente alle finanze). L’edificio diventa tempio protestante nel 1802 sotto Napoleone Bonaparte. In effetti, fu un tempo la chiesa del convento della Visitation Sainte-Marie (convento distrutto durante la Rivoluzione). Il tempio è iscritto come monumento storico dal 1887 e porta il nome di Temple Sainte-Marie.

Per accedervi, scendere alla fermata Saint-Paul della linea 1 o Bastille della linea 8 della metropolitana. Prendere la rue Saint-Antoine. Il tempio si trova in 17, rue Saint-Antoine, 75004.

 

 

Il Bazar de l’Hôtel de Ville

Bazar Hotel de Ville
FLLL / Wikimedia Commons sotto Creative Commons 4.0

Risalendo la rue de Rivoli, si arriva al BHV. Fondato nel 1856 da Xavier Ruel, “BHV” significa letteralmente Bazar de l’Hôtel de Ville grazie alla sua posizione, che conserva fin dalla sua origine, sulla rue de Rivoli, a due passi dall’Hôtel de Ville (il municipio di Parigi); diviene in seguito parte di una delle maggiori catene sul mercato internazionale. Fa infatti parte del gruppo Galeries Lafayette ed era destinato, all’inizio, a vendere utensili di bricolage. Ma, oggigiorno, l’offerta si è molto diversificata e si trovano articoli di alta sartoria, uno spazio pelletteria, una profumeria, un piano dedicato ai giocattoli per bambini, una parte di bricolage e una di decorazioni per la casa etc… Il BHV è quindi una sorta di “piccola Galleria Lafayette” visto che lo stile rimane simile e gli articoli sono altrettanto cari!

Per accedervi, scendere alla fermata Hôtel de Ville della linea 1 della metropolitana.

Indirizzo: 36, rue de la Verrerie, 75004.

 

 

L’Hôtel de Ville de Paris

Hotel de Ville Paris

A poca distanza da lì, il palazzo del Municipio, (in francese, l’Hôtel de Ville), circondato da numerose fontane, si erge maestosamente sull’antica Place de Grève. Luogo simbolo della politica, in cui si riunisce il Consiglio di Parigi, è il più grande edificio municipale d’Europa. Edificato nel 1357, ospita le istituzioni municipali della capitale francese.

Oggi, l’Hôtel de Ville apre le sue porte ai visitatori, ma su prenotazione. Trattandosi di luoghi protetti, è necessario presentare una richiesta al personale all’ingresso. Regolarmente vengono allestite mostre. Tutte le informazioni necessarie sono disponibili sul sito della Città di Parigi.

L’Hôtel de Ville Fu edificato nel 1357 dall’architetto Etienne Marcel. Si sono susseguiti secoli di metamorfosi. L’edificio cambierà volto ripetutamente e dal 1874 ad oggi si presenta in stile neo-rinascimentale, secondo i progetti di Edouard Depertes e Théodore Ballu (architetto della chiesa della Trinità). L’edificio è stato effettivamente oggetto importanti lavori a seguito di un incendio divampato durante la Comune di Parigi nel 1871 che lo ha devastato e che ha provocato la perdita di numerosi manoscritti e documenti municipali.

Ogni anno, a Natale, viene allestita una pista di pattinaggio sulla piazza fino al mese di marzo circa, e accoglie i visitatori gratuitamente (salvo per i pattini, dati in locazione a 5€), dalle 9:00 alle 22:00.

Tutto l’anno si può approfittare della giostra installata sulla piazza, per grandi e piccini!

Per accedervi, scendere alla fermata Hôtel de Ville della linea 1 della metropolitana.

Indirizzo: Place de l’Hôtel de Ville, 75004.

 

 

Il Museo Carnavalet

Musée Carnavalet
Francisco Anzola sotto Creative Commons 2.0

Il Museo Carnavalet conquisterà senza dubbio gli amanti della Storia. Situato in rue des Francs Bourgeois, il museo ripercorre la storia della città di Parigi. È costituito di due palazzi signorili che ospitano numerosi quadri e oggetti simbolo della storia di Francia. Tale è la sua reputazione da essere divenuto la dimora dalla Marchesa di Sévigné, che ha inoltre dato il nome alla strada in cui il palazzo è sito.

La sua architettura di stile rinascimentale attesta il suo glorioso passato. Costruito nel XVI secolo e iscritto interamente come monumento storico nel 1846, l’Hôtel Carnavalet è uno dei più antichi palazzi del Marais. La residenza fu trasformata in museo nel corso del XIX secolo e accoglie i resti del nostro passato. Dalla preistoria all’epoca moderna, venite a scoprire il centinaio di sale ricostituite che vi guideranno attraverso i secoli.

Per accedervi, scendere alla stazione Saint-Paul sulla linea 1 della metropolitana. Prendere la rue de Sévigné, poi svoltare a sinistra sulla rue des Francs Bourgeois.

Indirizzo: 16, rue des Francs Bourgeois, 75003.

 

 

La biblioteca storica della città

Bibliothèque Historique Ville Paris
BHVP / Wikimedia Commons sotto Creative Commons 3.0

Di fronte al museo si trova la biblioteca della città di Parigi. Biblioteca pubblica specializzata nella storia di Parigi e dell’Ile-de-France, si trova nell’Hôtel d’Angoulême-Lamoignon all’angolo della rue Pavée e della rue des Francs Bourgeois.

In una dimora signorile, classificata monumento storico nel 1937, conserva manoscritti e documenti della storia di Parigi. Inaugurata nel 1763 come biblioteca pubblica, diventa ufficialmente Bibliothèque de la Ville de Paris nel 1804. Si estende dalla Place des Vosges all’incrocio della rue Rambuteau e della rue des Archives.

Per accedervi scendere alla fermata Saint-Paul della linea 1 della metropolitana. Prendere la rue de Sévigné, poi svoltare a sinistra sulla rue des Francs Bourgeois.

Indirizzo: 24, rue Pavée, 75004.

 

 

La rue des Rosiers

Marais rue des rosiers
Andrea Schaffer sotto Creative Commons 2.0

All’uscita dalla Bibliothèque Historique de la Ville de Paris, vi consigliamo di imboccare la rue des Rosiers che incrocia la rue Pavée. Oltre ad essere una strada nota per lo shopping, è il cuore del quartiere ebraico del Marais. La maggior parte della popolazione ebraica attualmente residente è discendente degli ebrei dell’Europa dell’Est, comunità insediata da lungo tempo e particolarmente attiva al Marais. Inoltre, la rue des Rosiers ospita numerosi ristoranti le cui specialità sono i falafels, polpettine di ceci o di fave fritti nell’olio e spesso consumati all’interno di un panino accompagnati da numerose verdure. Si consiglia di amarsi di pazienza e di affrontare cionondimeno la coda dell’ora di punta a pranzo, perché i falafel della rue des Rosiers sono rinomati e apprezzati tanto dagli abitanti del quartiere quanto dai turisti. Si raccomandano in particolare due indirizzi: L’As du Falafel e Chez Marianne, due minuscoli ristoranti che propongono menù vari da asporto o da consumare sul posto.

Gli indirizzi:

L’As du Falafel: 32-34, rue des Rosiers, Paris 4ème.

Chez Marianne: 2, rue des Hospitalières Saint Gervais (a 10 metri dalla fine della Rue des Rosiers), Paris 4ème.

 

 

L’epicentro della comunità gay

Il Marais si presenta come l’epicentro ella comunità gay parigina. Numerosi sono i bar, negozi e ristoranti in prossimità della rue Saint Croix de la Bretonnerie e della rue des Archives. Si consiglia di visitare il quartiere d’estate e, in particolare, durante il Gay Pride che anima queste stradine già molto vivaci durante il resto dell’anno. Effettivamente lungo la rue Saint Croix de la Bretonnerie e la rue des Archives, si trovano numerosi bar e discoteche gay come il Free DJ, un locale che propone numerose serate a tema per coloro che vogliono ballare fino a notte fonda o anche l’ancora molto di moda Cox, bar dall’ambiente più calmo ma non meno accogliente. Si possono anche apprezzare i numerosi negozi gay o gay friendly che propongono prodotti talvolta molto… audaci come Le Gay Choc, panetteria che offre un’ampia gamma di dolci e brioches dalle forme diverse e piuttosto originali riservati unicamente ai meno pudici tra i nostri lettori. Scoprirete anche la prima libreria gay della capitale: Les Mots à la Bouche, divenuta un’istituzione nel quartiere e che propone opere molto varie, specializzata in particolare nella letteratura omosessuale.

Gli indirizzi:

Free Dj: 35, rue Saint Croix de la Bretonnerie, Paris 4ème.

Le Gay Choc: 45, rue Sainte Croix de la Bretonnerie, paris 4ème.

Le Cox: 15, rue des Archives, Paris 4ème.

Les Mots à la Bouche: 6, rue Sainte Croix de la Bretonnerie, Paris 4ème.

 

 

La rue de Rivoli

Rue Rivoli
Ardfern / Wikimedia Commons sotto Creative Commons 3.0

Mondialmente nota, la rue de Rivoli procede serpeggiante nel centro di Parigi e si estende dal IV arrondissement a partire dalla rue Sévigné nel Marais, fino al I arrondissement alla Place de la Concorde per una lunghezza totale di 3 km. Percorrendola da la Concorde, si potranno ammirare i Jardin des Tuileries e l’Orangerie fino al Louvre sulla destra. A sinistra, i portici ospitano botteghe, bar e ristoranti fino ad arrivare ai negozi del Marais. Ce n’è per tutti gli stili e per tutte le tasche. Les boutiques più chic e più care si trovano nella parte alta della strada, all’altezza de la Concorde e del Louvre. Ma verso Châtelet, si trovano grandi catene come Zara, Mango, Stradivarius, H&M, Etam, Forever 21 e molte altre.

 

 

La Tour Saint Jacques

Tour Saint Jacques et théâtre de la ville
Mbzt / Wikimedia Commons sotto Creative Commons 3.0

Basta attraversare la strada e si arriva alla Tour Saint Jacques. Classificata monumento storico e iscritta al patrimonio mondiale dell’UNESCO, si trova nello Square de la Tour Saint Jacques, al lato della strada, nel quartiere Saint-Merry (lo stesso in cui si trova il Centre George Pompidou). Oggi è il solo elemento restante della chiesa omonima.

Per accedervi, prendere le linee 1, 7, 8, 11, o 12, alla staizone Bastille, Saint-Paul, Hôtel de Ville, Châtelet, Louvre-Rivoli, Palais Royal-Musée du Louvre, Tuileries, Concorde.

 

 

Negozi chic e alla moda

Per concludere l’articolo abbiamo raccolto un certo numero di negozi chic e alla moda in cui vi consigliamo di recarvi durante la vostra permanenza al Marais.

Boutique chic, negozietto dell’usato o vintage, qui chiunque troverà il suo stile…

E anche qualche gallerie d’arte:

 

Hôtel consigliati nel quartiere

5 stelle:
Hôtel Dupond Smith: camere di design molto spaziose, arredamento di tendenza e essenziale, posizione centrale.

4 stelle:
Hôtel Original Paris: eclettico e festivo, l’hôtel apre le porte di un universo di fantasia e poesia, camere di design e servizi di lusso.
Le Pavillon de la Reine: camere molto eleganti e raffinate, talune con travi di legno a vista molto stilizzate, a pochi passi dalla casa di Victor Hugo.

3 stelle:
Hôtel Bastille de Launay: camere calme e confortevoli, organizzate con eleganza e sobrietà, situato in prossimità del Marais.

1 & 2 stelle:
Hôtel Nicolo: un vero e proprio concentrato di comfort e tranquillità, a pochi passi da numerosi monumenti, ristoranti e boutiques.

Previous

30 attività insolite, divertenti e originali da fare a Parigi

25 locali alla moda per trascorrere una serata a Parigi (ristoranti, bar, discoteche)

Next